• 1
  • 0

Poiché il CBD agisce come antinfiammatorio e immunosoppressore, non è necessariamente un integratore immunitario necessario per una persona sana. Ma per quelli con malattia autoimmune, il CBD può essere una scelta eccellente per la terapia o il trattamento.

Che cos’è una malattia autoimmune?

Una malattia autoimmune si verifica quando il sistema immunitario non funziona correttamente. Invece di attaccare microbi e antigeni estranei, il sistema immunitario attacca erroneamente cellule, tessuti e / o organi sani. Questi “auto-attacchi” possono verificarsi in qualsiasi parte del corpo e spesso portano a un indebolimento del funzionamento del corpo corrispondente. In alcuni casi, le malattie autoimmuni possono essere pericolose per la vita. Oggi scienziati e medici conoscono più di 80 malattie autoimmuni. Alcuni esempi di malattie autoimmuni sono diabete, artrite reumatoide, sclerosi multipla, fibromialgia, lupus, HIV / AIDS, morbo di Crohn, morbo di Huntington e altro.

In che modo il CBD può aiutare con le malattie autoimmuni?

Come discusso sopra, gli studi hanno dimostrato che il CBD ha proprietà immunosoppressive e immunomodulanti e antinfiammatorie. L’infiammazione può causare o contribuire a molte malattie autoimmuni. L’assunzione di CBD può aiutare a ridurre l’infiammazione. Non solo, ma coloro che hanno un sistema immunitario iperattivo e attaccano se stessi possono beneficiare delle proprietà immunosoppressive fornite dal CBD.

Bush marijuana cannabis on blurred background at sunset.

Noi come società dobbiamo ancora fare qualche ricerca in più sulla relazione tra CBD e sistema immunitario, ma i risultati originali sembrano incoraggianti. Tuttavia, con le informazioni che conosciamo, il CBD ha un grande potenziale per essere una forma efficace di terapia per le persone con malattie autoimmuni.

Nota: non utilizzare olio di CBD senza prima consultare il medico.

Aggiungi commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Italiano
Open chat